giovedì 23 novembre 2017

Questa poesia (ma sarà una poesia ? ma sì dai è una poesia) è dedicata a Eros perchè ci ha regalato dei bei ricordi con il suo Blog. Mauro


Grazie Mauro
 
LA POLVERE DEL TEMPO
SI POSA
SULLE NOSTRE COSE

MA BASTA SOFFIARLA
PER VEDERE
COME SIAMO STATI

Mauro

Ricordi di Cesto Francia - Dalla prigionia in India fino a diventare un grande musicista

Cesto è stato per tantissimi anni presidente della banda musicale di Modena. è stato per lunghi anni in prigionia in India dove ha imparato a suonare diversi strumenti. Il violino, il sax e il clarinetto. Grande Cesto

Francia Cesto babbo di Ivan




Cesto è il primo da sinistra

Bellissimi ricordi della famiglia Francia della Casalunga

Ivan Francia in braccio a nonna NINA
Ivan Francia a 2 anni
La nonna NINA, quella che faceva la treccia

E ovviamente il nonno

mercoledì 22 febbraio 2017

Foto della Famiglia Valenti e Zanoli

Con il nonno Adelmo e nonna Bruna dietro la "bugadera" la lavanderia
Con mia madre alla casa lunga

Ancora qualche fota dall'Asilo Corassori

Sono il 2° da destra con il cavallino in mano




Io, Eros in primo piano. Guidido copertao dalla mia yesta e Mauri Rochetti pensieroso. Ascoltava gia Beethoven
Grande primo piano di Eros. IO! Chissa che pensieri facevo! Mauro Ronchetti di nuca.

lunedì 20 febbraio 2017

Alcune Foto dall'amico Ivan Francia






Ho ricevuto alcune foto bellissime dell'amico Ivan che vi inoltro
Tutti all'Asilo Corassori. Anni 50 circa. L'insegnante è la "signorina" Paola, cosi la chiamavamo. Non un bellissimo ricordo da parte mia.
Qui all'asilo con lo sfondo del Mulino di Costato a Sinistra la Maria, la cuoca, moglie di Zagni che mi faceva il pureè perchè non mangiavo insalata. Sotto con il grembiule nereo la "signorina "!Paola. a Destra la direttrice un po vecchiutta e l'altra cuoca o aiuto cuoca Ivalda vsetita di bianco.In basso a sinistra Cavani Mauro e alla sua sinistra Guidino. Sopra tra le bracia dellas Paola Lello. Io penultimo a destra in alto e sotto di me Ivan con la faccia semicoperta. e poi Milena, Liviana, Luisa ecc.



Grande questa foto. Una delle prime festine in casa di qualcuno che non ricordo. Da sinistra Ivan Francia, Lorena Bavutti, io Eros. In alto Liviana Ferrari, Lello Luppi, non conosco la morettina a cui è appoggiato, Poi a destra Mauro Ronchetti. In basso da sinistra Cavani Mauro, uno che chiamavamo il Biondo e Giordana
 
 
Infine Ivan, un po imbronciato in braccio alla mamma Carmen

mercoledì 1 febbraio 2017

...famiglie di "camarant" che vivevano a Cà d'Picarein

Carissimo Eros, scorrendo il tuo blog, ho trovato la foto della Marcela, la madre di Sergio Cuoghi. La Marcella Ferrari detta Marcela e Giancarlo Cuoghi detto Carlo erano entrambi componenti di famiglie di camarant che vivevano a Cà d'Picarein. La Famiglia Ferrari era detta I Camilèin e i Ferrari erano detti i Belòni. La casa che Sergio (cui ho dato dei "cucchi" quando era piccolo) indica ma non sa di chi sia, è la mia.
At salut
Maria Grazia Malagoli    -    24 gennaio 2017

Come da promessa, ti invio alcune foto. Nella foto "Bruna" è ritratta Bruna Setti, figlia del defunto Dalelmo, che era ritenuta la più bella delle Piccarine.
Nelle foto intitolate "mia madre, mia madre2 e mia madre3", mia Madre Clementina Piccarini funge da modella per la sarta Wilma, anche lei residente a Cà d'Picarein, sarta molto nota per annoverare tra la sua clientela molte donne altolocate. Tra l'altro la Wilma fu forse l'inventrice del pret a porter perchè confezionava abiti che faceva indossare a mia madre per mostrali alla clientela, quando ancora non esistevano cataloghi. La foto classe 1952 parla da sè. La foto festa nel prato si riferisce ad una gnoccata fatta nel prato antistante la casa, cui parteciparono buona parte degli abitanti dei Mulini Nuovi e della Bertola (la bimba ritratta in primo piano sono io). La foto "mia madre e io" è stata scattata nel prato cosiddetto alto, dove oggi si estende la Saima. Aggiungo che le foto della Bruna e di mia madre sono state scattate long al Sradòr, lo stradello che costeggiava il canale Soratore che passava davanti alla casa dei Piccarini e si buttava nel Naviglio all'altezza della casa dei Bezzecchi. Il soratore originava anche la Fosa, un troncone di canale che serviva da irrigatore dei campi nei mesi estivi e serviva anche da piscina per i ragazzi.
At salut


Maria Grazia Malagoli    -   31 gennaio 2017


Bruna Setti, long al Srador, verso la "Bertola"
 
classe '52 - festa sul prato
 
Mia madre, Clementina Piccarini
 
Clementina Piccarini
 
Clementina Piccarini
 
Mia madre ed io sul prato